sabato 11 giugno 2016

Il colore bianco, etimologia, onomastica, etnogenesi di una radice linguistica germanica in Italia

Il Biancone
Firenze - Piazza della Signoria
L'etimologia del colore bianco è legata all'etnogenesi dei popoli germanici. Dal proto-germanico *blankaz- probabilmente da un'antichissima radice indoeuropea (PIE) *bhel-, spagnolo blanco, provenzale e francese blanc, antico alto tedesco blanch, modenese blank: "Blank cóm è la nova - bianco come la neve".
Bianco splendente detto propriamente del metallo lucido splendente, del ferro e dell'acciaio da cui il primitivo significato di "battersi all'arma bianca". Tedesco moderno blinken, brillare. scintillare, lampeggiare, segnalare.
In antico inglese la parola blanca significava "cavallo bianco" in inglese la parola blank significa uno spazio vuoto, una pagina bianca. Per i Latini bianco era sempre e solo albus ed il lemma di origine germanica soppiantò praticamente ovunque il lemma latino tanto che almeno dal XII secolo non ve ne è più traccia.

Il lemma ha dato luogo a moltissime varianti soprattutto nel toscano e nei dialetti centro-settentrionali a testimonianza di quanto sia stato radicato nelle genti di quelle regioni; da cui quindi le biancane (sorta di rilievi a forma di cupola dal caratteristico colore chiaro), biancastro, biancheggiare, biancheria, bianchetto, bianchezza, bianchiccio, bianchire, imbiancare, biancicare, il biancone (uccello rapace di colore chiaro), biancuccio, biancone, sbiancare, biancume ed il Biancone di Firenze, la bianchissima scultura marmorea del Nettuno in Piazza della Signoria tanto cara ai fiorentini.

Diffusissimo anche in onomastica Bianchi è uno dei cognomi italiani più diffusi posizionandosi al quinto posto dopo Rossi, Russo, Ferrari ed Esposito e dando luogo ad una ridda di infinite varianti come Bianca, Biancacci, Biancarelli, Bianchelli, Bianchessi, Bianchet, Bianchetta, Bianchetti, Bianchetto, Bianchin, Bianchini, Bianco, Biancotti, Biancotto, Biancu, Biancuzzi, Biancuzzo, Biancalani etc. L'origine del cognome era generalmente legato alle caratteristiche fisiche dei capostipiti che si caratterizzavano per i colori chiari della carnagione e dei capelli.

Il cognome Bianchi principalmente diffuso nell'Italia centro-settentrionale potrebbe anche essere legato al partito fiorentino dei Guelfi bianchi e alle dispute medievali tra Guelfi e Ghibellini della fine del XIII secolo e alle violenze che sfociarono nell'esilio da Firenze di tutti i Guelfi bianchi tra cui lo stesso Dante Alighieri che apparteneva a quel partito.






Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...