sabato 10 maggio 2014

Etimologia di bello / bella

Siamo abituati a vedere nella lingua italiana l'eredità culturale di un popolo che in Roma antica ha avuto le sue profonde origini. Ma è proprio così, oppure è un retaggio indotto dalla cultura mainstream?

In questo blog ci siamo già  imbattuti nell'etimologia della parola casa di cui abbiamo evidenziato la probabile derivazione celtica (vedi post). Oggi è il turno di un altro "misterioso" etimo: bello.

Quante volte al giorno usiamo la parola bello, bella per indicare le cose che più amiamo nella vita. Mi immagino i salti mortali che nell'opera di de-germanizzazione della lingua italiana devono aver fatto gli etimologi per trovare una derivazione latina per bello. Già infatti in latino bellum significa guerra, da cui deriva la parola italiana bellico, bellicoso. E bello si diceva invece pulcher (Pulchra Silva), forse che per i romani la guerra era bella? Sul mio vocabolario di latino troviamo oltre a pulcher anche bellus col significato di carino, una sorta di vezzeggiativo, quindi con una strana traslazione semantica della radice, ma non ne viene riportata la fonte, né l'ho trovata da alcuna parte.

1920 - pubblicità della Wella
Prendiamo invece l'etimo germanico wella, antico sassone wela, antico norvegese vel, antico frisone wel, alto tedesco antico wela, gotico waila che significa rotondo, di belle proporzioni, soddisfacente, all'origine dell'inglese wheel (ruota) e well (bene, buono) es. well done (ben fatto cioè fatto rotondo), nel tedesco moderno welle significa onda. È allora molto più probabile che questo etimo abbia origine nell'alto medioevo con l'arrivo nella penisola italiana di Goti e Longobardi del cui superstrato linguistico è ricca la nostra lingua. In effetti ancora oggi noi diciamo rotondo per dire bello, per esempio quando si dice "un risultato rotondo". In Toscana si può trovare nel contado l'espressione "è bello fatto" che significa "è fatto bene", anche wellness col significato di benessere è un parola prestata dall'inglese in tempi recentissimi. Non è un caso che uno dei maggiori gruppi industriali tedeschi fondato nel 1880 e specializzato nella produzione di cosmetici per capelli si chiama proprio "Wella" prendendo in prestito questo antico lemma germanico.

Giotto per dimostrare al papa Benedetto XII da Tolosa la sua perfezione nella pittura disegnò con un sol gesto un bel tondo: la famosa "O" di Giotto.

Per chi non fosse ancora convinto, nella lingua toscana il belliho è l'ombelico. L'italiano guerra ovviamente non deriva dal latino bellum ma dalla parola longobarda werra.

Contribuite anche voi a questa storia, aggiungete un vostro commento.

Have something to add to this story? Share it in the comments.

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...