martedì 8 ottobre 2013

Tre irlandesi a Fiesole (parte I): San Donato da Fiesole

San Donato da Fiesole nacque in Irlanda attorno all'anno 774 durante il regno di Aedh Ornidhe da una stirpe di nobile ed antico lignaggio. Alla fede, che era forte in lui sin dalla prima giovinezza, egli aggiunse presto la passione per gli studi. Molti indizi indicano che fu educato nel momastero di Iniscaltra sulle sponde del Lago di Lough Derg nella provincia di Munster. Resta infatti un prologo di Donato ad un poema dedicato alla vita di Santa Brigida di Kildare ritrovato presso l'Abbazia di Monte Cassino che fu scritto da un monaco di nome Caolan che si definiva "monaco di Iniscaltra". Nel testo ci sono molti indizi che fanno pensare che Donato conoscesse bene quei luoghi.

Ireland, c 650 AD
Credits: www.irelandstory.com
Fu durante la sua attività di insegnante che Donato conobbe come studente Andrea e la sorella di lui Brigida, entrambi provenivano da un'importante famiglia di quel regno. Questi avrebbero voluto che il fratello maggiore fosse indirizzato verso l'arte militare piuttosto che alle lettere, ma il ragazzo dimostrò subito uno spiccato amore per lo studio e per la fede. Quando Andrea seppe che nella loro contea era arrivato un insegnante di nome Donato già conosciuto per le sue doti filosofiche, decise di affidargli la sua istruzione.

Un giorno mentre Donato e Andrea stavano nei pressi delle mura del Cashel (monastero fortificato) discorrendo su argomenti di varia natura, Donato rivelò all'allievo che stava progettando di partire per un viaggio in terre lontane per vedere con i suoi occhi i luoghi santi in Italia. Anche perchè coltivava il desiderio di andare in un luogo dove la sua posizione sociale non lo avrebbe condizionato. Allora Andrea lo pregò di portarlo in tutti i modi con sé.

Quindi i due pellegrini partirono per il lungo viaggio decidendo di vivere alla giornata e di non portare con sé più di quello che era necessario per la sopravvivenza, giunti sul continente andarono di santuario in santuario finché un giorno sulla via di Roma arrivarono sulla collina di Fiesole.

In quei giorni la città, scossa dal recente saccheggio ad opera dei Normanni, era senza una guida pastorale e non c'era neppure accordo sul nome del successore, fu così che proprio mentre i monaci arrivarono sulla porta della Badia dopo aver percorso la ripida salita che dal torrente Mugnone porta a San Domenico e una gran folla era radunata all'interno della chiesa chiedendosi cosa fare e l'intercessione divina, che tutte le campane della città cominciarono a suonare e le luci si accesero da sole. A questo punto un povero vecchio, notando i nuovi arrivati sulla porta della chiesa, gli domandò chi mai fossero e da dove venissero. Donato con la sua semplicità rispose: "Veniamo dalla Scotia (Irlanda), lui si chiama Andrea ed io Donato, siamo in pellegrinaggio per andare a Roma". Il pover'uomo allora annunciò a tutti che quello era il segno divino che la città aspettava e che avevano finalmente ritrovato la guida spirituale dicendo: "Eia Donatus Peter Deodatus!" cioé "Salve Donato il pastore che Dio ci ha dato!".

Così cominciò l'avventura pastorale di Donato che divenne settimo vescovo della città di Fiesole, il primo fu San Romolo che fondò la Badia nel 60 d.c. inizialmente dedicata al culto di San Pietro come gran parte delle pievi paleocristiane. In quegli anni era Papa Eugenio sul soglio di Pietro e Lotario e Luigi il Pio regnavano assieme.

Donato fu un grande vescovo e fece di Fiesole uno dei centri principali del cattolicesimo toscano a capo di una vastissima diocesi che comprendeva gran parte del contado e della Valle dell'Arno. Di lui rimangono pochi frammenti, tra cui notevolissimo un prologo alla vita di Santa Brigida di Kildare, che racconta dell'Irlanda, la sua bella terra d'origine, custodito presso la Biblioteca Laurenziana di Firenze che riporto qui per intero.

"Far in the west they tell of a matchless land,
Which goes in ancient books by the name of Scotia;
Rich in resources this land having silver,
Precious stones, vesture and gold;
Well suited to earth-born creatures as regards
Its climate, its sun and its arable soil,
That Scotia with lovely fields
Hath skill with husbandry and raiments, and arms and arts and fruits
There are no fierce bears there, nor ever
Has the land of Scotia brought forth savage
Broods of lions. No poisons hurt no serpent
Creeps through the grass, nor does the babbling frog
Croak and complain by the lake. In this land
The Scottish race are worthy to dwell, a renowned race of men
In war, in peace, in fidelity. Here was born in former days
The most holy virgin,
Brigid, glory of the Scots; her name, her honour,
A tower reaching to the highest points of the flame-bearing heaven.
An inexhaustible light, a noble crown of God,
A blessed fountain rejoicing, reforming the hearts of the Scots;
While recreating them, she takes care of herself, she feeds, she grows;
A ladder prepared for men, excellent for youths and girls.
For mothers and for saints, she reaches to the stars of heaven.
Her father was called by name Dubtacus;
A man renowned for his good deeds, of famous ancestry;
Noble and humble, gentle and full of piety ;
Nobler because of his wife and pious offspring.
Many have written of the virtues of this virgin soul.
The learned Ultan and Eleran honouring her ;
One called Animosus has written many books
Concerning the life and studies of this virgin and her good deeds.
I shall begin from the least, nor shall greater things follow,
But so shall I gather fitting blossoms in a garden full of flowers.
If, beholding the glittering stars of heaven, we seek to know
their order and high-aspiring course,
If we could number the minutest grains of sand which the troubled
waves of the sea have scattered on our shores,
Then might we number the virtues of this virgin
Whose body was the temple of the Most High God."


Liberamente tradotto da "Six Months in the Appennines. or, a Pilgrimage in Search of Vestiges of the Irish Saints in Italy" di Margaret Stokes. London 1892 - Historical Collection from the British Library.

Per un blog è molto importante il vostro sostegno, se potete cliccate sui tasti social "mi piace", "tweet" etc che trovate qui sotto ... grazie. 

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...