mercoledì 19 giugno 2013

Longobardi in Corsica

Longobardi in Corsica, possibile? Sembrerebbe proprio di si: da un'analisi della toponomastica salta subito all'occhio una concentrazione dei più classici toponimi longobardi nell'estremità settentrionale dell'isola nei pressi di Macinaggio, quella che noi chiamiamo comunemente "il dito".


La presenza longobarda in Alta Corsica sarebbe anche attestata da numerose vestigia proto-romaniche dedicate a San Michele, la cui venerazione è un tipico segno della presenza di antichi insediamenti longobardi, con tratti stilistici comuni alle più antiche pievi del contado toscano e del lucchese in particolare.


Chiesa di San Michele, Murato - Corsica settentrionale
By Pierre Bona (Own work), via Wikimedia Commons

Una piccolissima pieve dedicata a San Michele la si trova presso Sisco, ma ben più importante è la Pieve di San Michele presso Murato, ricchissima di scultura proto-romanica, capitelli e formelle con figure zoomorfe e sirene bicaudate, intrecci celtici e stelle alpine, bassorilievi in arenaria grigia che ci raccontano del culto ancestrale per il serpente della tradizione pagana longobarda. In particolare la sirena bicaudata, la ritroviamo a Lucca nella chiesa di San Michele, in Lunigiana a Fivizzano (Fiuzzan) anche qui nella Chiesa di San Michele Arcangelo e nella Pieve dei Santi Cornelio e Cipriano a Codiponte.



Particolare: capitello a forma di sirena bicaudata
Chiesa di San Michele Arcangelo, Murato - Corsica settentrionale

Diventata ormai arcinota nell'immaginario collettivo da quando la catena Starbucks l'ha adottata come suo logo, la sirena bicaudata ha un significato ancora per molti versi avvolto nel mistero. Retaggio di antichi culti legati alla terra, richiama la forza rigeneratrice di Freia, che nella mitologia nordica è dea della magia e dell'amore, della fecondità e della lussuria, protettrice delle partorienti. Come ci racconta Paolo Diacono nella sua Storia dei Longobardi, i Longobardi veneravano Frea (Freia), moglie di Godan (Odino). Anche Tacito nel suo Germania ci ricorda come alcune tribù della Germania settentrionale tra cui i Longobardi e gli Angli venerassero la madre-terra chiamata Nerthus (forse madre di Freia?), di cui ci racconta con l'occhio distaccato ma attento dello storico l'esoterico culto.


Evoluzione del logo Starbucks negli anni

Vediamo adesso come stanno le cose dal punto di vista genetico, in Alta Corsica troviamo un picco di R1b (U152+). Anche se la positività all'U152 per me è riconducibile più ad un apporto italo-celtico di origine cisalpina che longobardo. Peccato non avere dati più significativi sulla diffusione dell'Y-DNA R1b in Corsica.


E' però possibile che l'U152 in Corsica ce l'abbiano portato i celti cisalpini presenti nelle legioni di Roma, era comune infatti che i popoli assoggettati dai romani prestassero servizio nelle legioni dell'impero (auxiliares). Per esempio nel II secolo d.c. solo in Britannia l'auxilia poteva contare su una forza di 32.000 uomini tra fanteria leggera e cavalleria organizzata in 45 coorti.


In effetti dando un'occhiata agli spot U152 nelle isole britanniche, dove questo marker non è particolarmente diffuso, la concentrazione massima la troviamo nel Kent, estremità sudorientale dell'isola, che deriva il suo nome dal latino Cantium e dove la colonizzazione romana è stata più profonda e duratura. In Corsica non ho trovato spot per l'U106 ma uno spot isolato L21+ proprio nella Corsica settentrionale.


L'L21 è la subclade Y-DNA prevalente nelle isole britanniche e quindi british per definizione, ma a ben vedere è presente con spot anche nell'Europa continentale, in particolare nella Frisia e nella regione tedesca dell'Anglia (Angeln) situata nella penisola dello Jutland indicata da Tacito come terra d'origine della tribù germanica degli Angli che per così dire erano i vicini di casa dei Longobardi che sempre secondo Tacito occupavano il basso corso dell'Elba, grossomodo dove adesso sorge la città di Amburgo, e quindi potrebbero aver condiviso alcuni marker genetici.

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...